Il Dott. Tiziano Cetarini ha partecipato alla redazione dell’articolo pubblicato nella rivista IPSOA Amministrazione e Finanza (Controllo di Gestione) nel numero 1/2013 nominato: “Il ruolo del controllo nello sviluppo dei progetti complessi: il caso Ecodelm Srl”.

Per progetti complessi si è fatto in questa sede riferimento alla progettazione e realizzazione di iniziative che richiedono, tra le altre cose, l’investimento di ingenti risorse finanziarie, la partecipazione di numerosi e differenti soggetti e che sono caratterizzate da un’elevata esposizione al rischio. In particolare, è stato trattato un esempio concreto di project financing. Mediante tale forma di finanziamento, i soggetti promotori di un’iniziativa di investimento complesso (denominati sponsor) danno vita, per la realizzazione dello stesso, ad un ente giuridicamente autonomo (detto società di progetto o Special Purpose Vehicle – SPV), così da poter «escludere o limitare la loro responsabilità finanziaria e lasciare intatta la loro capacità di futuro indebitamento».

Il progetto sottoposto ad analisi riguarda la costruzione e la gestione di un impianto fotovoltaico fisso a terra di una potenza generata di 11,8 MWp, sito nel Comune di Montalto di Castro (VT). L’impianto è di tipo GRID-ON, connesso cioè alla rete nazionale, alla quale viene ceduta tutta l’energia prodotta e non direttamente utilizzata dall’utente. L’impianto, composto da un numero complessivo di 41.280 moduli (pannelli in silicio policristallino, per un’estensione complessiva del sito di circa 20 ettari) è munito di propri contatori per la contabilizzazione distinta dell’energia generata, che misurano tutta l’energia prodotta dal campo fotovoltaico ai fini dell’erogazione del contributo da parte di GSE S.p.a.3. L’impianto infatti beneficia degli incentivi e delle agevolazioni contenute nel cosiddetto «V° Conto Energia»4.

Promotori del Progetto sono Ecosuntek S.p.a. e Delmas Energia S.p.a., entrambe operanti nel settore delle energie rinnovabili. Date le caratteristiche dell’investimento, di notevole dimensione finanziaria (circa 25 mln/€), di particolare complessità tecnica e di lunga durata, il progetto è stato realizzato mediante finanziamento portato avanti attraverso lo strumento del Project Financing su base limited recourse, attivato con BIIS (Banca Infrastrutture, Innovazione e Sviluppo) del Gruppo Intesa San Paolo.

(Clicca qui per il download)